Prima Giornata Nazionale dell’Oftalmologia | Un’iniziativa SOI per informare e sensibilizzare, ma soprattutto per invitare a farsi visitare gli occhi in sicurezza e senza falsi timori.

Prima Giornata Nazionale dell’Oftalmologia

Giornata Nazionale dell'Oftalmologia

La paura ha dilagato, in quest’ultimo anno, e anche i controlli oculistici ne hanno fatto le spese. Il Coronavirus, infatti, ha fatto ricadere su milioni di persone il peso delle mancata prevenzione e della carenza di una corretta informazione. Nasce, così, la prima Giornata Nazionale dell’Oftalmologia.

Campagna “Apri gli occhi contro il Coronavirus”

Proprio per invertire la tendenza e supportare la popolazione verso un’informazione corretta, la SOI, Società Oftalmologica Italiana, ha indetto la Prima Giornata Nazionale dell’Oftalmologia. Un’occasione per far conoscere la Campagna “Apri gli occhi contro il Coronavirus”, grazie alla quale la SOI si impegna ad accendere i riflettori sull’importanza della vista. Solo recandosi dal medico oculista specialista, infatti, è possibile diagnosticare la presenza di patologie invalidanti. Parliamo di maculopatia, cataratta, glaucoma, malattie ereditarie e molto altro ancora. Il medico oculista ha competenze specifiche dedicate all’assistenza e cura delle malattie degli occhi dei bambini, prescrivendo la correzione dei difetti visivi  e la gestione e cura dell’occhio pigro.

La parola a Matteo Piovella, Presidente SOI

“Vorrei assicurare – afferma Matteo Piovella, Presidente della Società Oftalmologica Italianache i medici oculisti si sono sottoposti alle vaccinazioni anti Covid-19 e che negli ambulatori oculistici che affiancano sempre in maggior numero il SSN nell’assistenza oftalmologica si attuano i protocolli e le misure di sicurezza approvate da SOI per evitare il diffondersi della pandemia (test rapidi, sanificazione e altro).

A causa della pandemia -continua Piovellaabbiamo registrato un calo drammatico delle visite medico oculistiche e degli interventi chirurgici salva vista, che ha vanificato tutto il lavoro di prevenzione e assistenza clinica attivato negli anni: un triste primato che ha cancellato la metà delle attività messe in campo per salvaguardare la vista”.

Una testimonial d’eccezione: Orietta Berti

La Campagna della SOI, inoltre, vede una testimonial d’eccezione: la grande Orietta Berti, che muove un appello in favore della campagna “Apri gli occhi contro il Coronavirus”:

“Vorrei invitare tutti a chiamare il numero verde 800 588 653 messo a disposizione dalla SOI, dove i tanti medici oculisti daranno gratuitamente tutte le informazioni corrette sul Covid e le cure patologiche che causano la perdita della vista”.

Per maggiori informazioni, invitiamo a consultare il sito ufficiale della SOI

IN SALUTE è la visita oculistica approfondita messa a punto da Neovision per i pazienti con particolari patologie e per le quali sono necessari controlli periodici e approfonditi.

Scopri di più su IN SALUTE

Da quanto tempo non fai una visita oculistica? Chiamaci subito!

Se vuoi saperne di più o prenotare una visita oculistica specialistica, chiamaci dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00 allo 02 3031 7600.

Oppure, compila il form qui sotto e ti ricontatteremo noi!

Prevenzione del Glaucoma

Prevenzione del glaucoma – Si conclude anche quest’anno la Settimana del Glaucoma, un’occasione preziosa di riflessione e informazione, soprattutto in periodo di pandemia da Covid-19. Un periodo nel quale, comprensibilmente, le energie e l’attenzione sono catalizzate in una sola direzione, ma che, proprio per questo, rischia di mettere in ombra la necessità di una costante attenzione alla prevenzione.

In Italia il glaucoma, anche conosciuto come il ladro silenzioso della vista, colpisce un milione di persone e la metà di queste non sanno di soffrire di tale patologia. Un ladro davvero silenzioso, che manifesta significativi disturbi solo in uno stadio piuttosto avanzato, quando i danni sono ormai permanenti ed irreversibili.

L’importanza della prevenzione del glaucoma

Fortunatamente, però, le moderne tecnologie ci vengono incontro ancora una volta. E’ sufficiente un’approfondita visita oculistica, infatti, per diagnosticare il glaucoma e, con la corretta terapia, è anche possibile tenerlo sotto controllo. Oggi esistono diverse soluzioni terapeutiche che vengono incontro ai pazienti. Un segnale di speranza per salvaguardare uno dei sensi più importanti.

“Le Persone maggiormente a rischio – afferma Matteo Piovella, Presidente della SOI – sono gli over quaranta, che non evidenziando problemi di vista non eseguono nessun controllo preventivo. In occasione della Settimana Mondiale sul Glaucoma – la SOI vuole accendere i riflettori sull’importanza della visita medico oculistica specialistica ricordando il calendario delle Visite Mediche Oculistiche Specialistiche necessarie per salvaguardare il bene prezioso della vista: alla nascita, entro i tre anni d’età, il primo giorno di scuola, a 12 anni, e a 40 anni. Successivamente ai 40 anni, ogni due anni fino a 60 anni. Una volta all’anno oltre i 60 anni”.

Con l’occasione, la SOI lancia un’iniziativa di grande rilevanza: la 1° Giornata Nazionale dell’Oftalmologia Italiana per informare, sensibilizzare ma soprattutto per invitare a farsi visitare gli occhi in sicurezza, senza falsi timori per salvaguardare il bene prezioso della vista.

Prevenzione del glaucoma: cos’è il ladro silenzioso?

La prevenzione del glaucoma può essere effettuata in qualunque momento, con una approfondita visita oculistica. Il glaucoma, infatti, è una patologia oculare che può presentarsi a qualunque età, anche se più frequentemente una volta superati 40 anni. Si tratta di una patologia che danneggia il nervo ottico ed è causata da una eccessiva pressione all’interno dell’occhio.

Tra i primissimi sintomi del glaucoma vi è la riduzione del campo visivo. Purtroppo l’insorgere di questo sintomo è molto lento, pertanto spesso il paziente se ne accorge in ritardo, quando la malattia è già evidentemente manifesta.

L’unico modo per scoprire se si soffre effettivamente di glaucoma è sottoporsi a una accurata visita oculistica. Se non viene diagnosticato per tempo, infatti, il glaucoma può causare cecità.

Prevenzione del glaucoma: non dimenticare di farti visitare

IN SALUTE: un accurato controllo della salute degli occhi

La visita IN SALUTE è un percorso diagnostico estremamente approfondito ed accurato, ideale per chi ha familiarità con alcune patologie quali glaucoma, diabete, cheratocono, maculopatie.

Come prenotare

Il nostro Staff è a tua disposizione allo  02 3031 7600 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00.

Maculopatia e retinopatia senile sono il focus della campagna di prevenzione nazionale che si terrà per tutto il mese di febbraio in ben 26 centri aderenti su tutto il territorio nazionale. Due patologie oculari ancora poco note, ma piuttosto diffuse. La Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi di Maculopatia e Retinopatia Senile si pone come un’iniziativa di valenza medica, ma anche sociale. Con il duplice obiettivo di informare ed offrire uno screening gratuito.

La campagna è organizzata e promossa da Ospedale San Raffaele di Milano, Centro Ambrosiano Oftalmico ed Ospedale Fatebenefratelli-Sacco di Milano. Con il patrocinio di: Ministero della Salute, Comune di Milano, SOI – Società Oftalmologica Italiana e IAPB Italia Onlus – Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità.

Campagna Nazionale per la Prevenzione e Diagnosi di Maculopatia e Retinopatia Senile

Chi, dove e quando

  • La campagna si terrà dal 23 gennaio al 28 febbraio 2020
  • Presso 26 centri d’eccellenza dislocati su tutto il territorio nazionale (per l’elenco completo dei Centri aderenti all’iniziativa: www.curagliocchi.it)
  • La campagna offre screening oculistici gratuiti della maculopatia

Come si accede agli screening?

  • Possono accedere agli screening le persone over 50, che non abbiano già una diagnosi di maculopatia.
  • Le prenotazioni sono attive su www.curagliocchi.it a partire dal 23 gennaio 2020 e fino ad esaurimento delle disponibilità.
  • In fase di prenotazione online sarà possibile indicare la struttura sanitaria di interesse. Le città aderenti sono: Alessandria, Arezzo, Cagliari, Catania, Catanzaro, Chieti/Pescara, Eboli, Firenze, Genova, Lecce, Legnano, Milano, Moncalieri (TO), Napoli, Padova, Roma, Siena, Trani, Varese e Villorba (TV).

Anche Neovision aderisce alla Campagna

Anche Neovision aderisce alla Campagna di Prevenzione e Diagnosi di Maculopatia e Retinopatia Senile. Se desideri sottoporti al tuo screening gratuito presso una delle nostre cliniche a Milano, seleziona la sede di tuo interesse sul sito ufficiale dell’iniziativa. Ti aspettiamo!

La miglior cura è la prevenzione, a qualunque età

Maculopatia e retinopatia senile sono due patologie tipiche dell’età avanzata. Se trascurate, possono causare danni gravi ed irreversibili. Pertanto, è fondamentale sviluppare strumenti per aiutare le persone a vivere la terza età in salute ed in piena autonomia. Oltre un milione di persone over 65, solo in Italia, sono colpite da degenerazione maculare senile. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il 45% dei casi di perdita irreversibile della visione centrale è dovuta alla maculopatia.

Maculopatia e Retinopatia: di che si tratta?

Maculopatia e retinopatia senile sono due patologie tipiche dell’età matura. La degenerazione maculare senile colpisce la macula, una piccolissima ma molto preziosa porzione della retina. Deputata alla decodifica dei segnali luminosi, la macula è responsabile del buon andamento della visione centrale. Analogamente, la retinopatia è una patologia che colpisce altre porzioni della retina e conduce ad un progressivo peggioramento della capacità visiva. I danni che queste patologie possono arrecare sono irreversibili.

Giornata Mondiale della Vista 2019

Giornata Mondiale della Vista 2019: quale giorno migliore per ricordare quanto sia importante prendersi cura della propria vista?

Giornata Mondiale della Vista 2019: l’importanza della prevenzione oculare presso strutture sanitarie dedicate

Affidarsi a strutture medico-sanitarie è importante. Soltanto all’interno di strutture sanitarie dedicate alla medicina oculare, infatti, è davvero possibile indagare a fondo la salute dei propri occhi, grazie alle più avanzate tecnologie ad oggi disponibili e a team di medici e ortottisti altamente qualificati.

100 screening oculistici gratuiti per la Giornata Mondiale della Vista 2019

Secchezza oculare, occhi affaticati, sensazione di bruciore, fastidio e addirittura leggero appannamento dopo un’intensa giornata di lavoro al pc: alzi la mano chi non ha mai provato almeno una di queste sensazioni. Oggi, purtroppo, il problema non riguarda più solo chi lavora 8 ore davanti ad un monitor. Anche nella nostra vita privata, infatti, gli occhi sono sempre più esposti a fatiche e stress che, a lungo termine, rischiano di causare problemi e fastidi.

Ecco perché Neovision Cliniche Oculistiche coglie l’occasione della Giornata Mondiale della Vista per puntare il faro sulla salute dei nostri occhi: l’organo che più degli altri ci collega al mondo che ci circonda.

In occasione della Giornata Mondiale della Vista, Neovision offrirà 100 SCREENING GRATUITI presso le proprie cliniche oculistiche a Milano: un’iniziativa di sensibilizzazione volta a ricordare quanto i nostri occhi fanno per noi e come possa essere facile prendersene cura.

Come prenotare lo screening oculistico gratuito

Chiamaci allo 02 3031 7600 per prenotare il tuo screening gratuito: potrai scegliere la clinica oculistica Neovision più vicina a casa tua.

Neovision Procaccini
Via Procaccini, 1 Milano

Neovision Vercelli
Corso Vercelli, 40 Milano

Neovision Restelli
Viale Restelli, 1 Milano

La prenotazione è obbligatoria.

In cosa consiste lo screening

Durante lo screening sarà possibile valutare:

  • la presenza e l’entità oggettiva di difetti visivi come miopia, astigmatismo o ipermetropia
  • la conformazione della cornea, utile a valutare l’eventuale presenza di cheratocono
  • l’analisi del cristallino, utile a valutare la presenza di cataratta

Lo screening è del tutto indolore ed ha una durata di pochi minuti. Saranno fornite informazioni in merito alle cure e ai trattamenti più indicati per ognuno.


“Una vista sana – afferma il Dott. Leonardo Ciompi, Specialista Oculista del Team Neovision – ha degli importanti riflessi sul nostro modo di interagire col mondo che ci circonda. È ormai noto, infatti, che molti disturbi della vista hanno implicazioni non solo mediche, ma anche di carattere sociale e relazionale. Alcuni disturbi e patologie oculari, infatti, se non diagnosticati e curati per tempo, rischiano di avere importanti ricadute sul nostro stile di vita. E’ importante quindi tenere in considerazione percorsi di prevenzione mirati.”

Dott. Leonardo Ciompi, Neovision Cliniche Oculistiche
Leonardo Ciompi, specialista oculista presso Neovision Cliniche Oculistiche

Forse potrebbero interessarti:

Cataratta ansia e depressione. Il legame

Chirurgia refrattiva: come funziona e quando serve

7 consigli per convivere con la Sindrome dell’Occhio Secco

Glaucoma: perché fare attenzione alla guida

Cross Linking e Trapianto di Cornea - Felicita Norcia - Neovision Cliniche Oculistiche

Cross linking corneale e trapianto di cornea sono due fra le migliori tecniche per il trattamento del cheratocono. Nel video registrato in occasione della conferenza stampa per l’inaugurazione della prima Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi del Cheratocono, la dott.ssa Felicita Norcia di Neovision spiega con il Dott. Lucio Buratto come queste tecniche vengono applicate.

Il cheratocono

Il cheratocono è una malattia oculare che causa l’assottigliamento e la deformazione della cornea. Se trascurato, il cheratocono può causare una riduzione della vista anche molto grave, fino alla cecità. Le cause del cheratocono non sono ancora del tutto note, anche se sembra che vi sia un certo grado di familiarità.

La cornea sana presenta una curvatura regolare ed ha una struttura perfettamente trasparente. In presenza di cheratocono, invece, la cornea perde la sua regolare curvatura e si allunga verso l’esterno. La deformazione e l’assottigliamento della cornea causano inoltre una perdita di trasparenza, rendendo così il processo visivo sempre più difficoltoso.

Cross linking corneale e trapianto di cornea: si può curare il cheratocono?

Grazie ad AICHE Associazione Italiana Cheratoconici ONLUS per il video.

I trattamenti per il cheratocono esistono, e variano a seconda dello stadio di avanzamento della patologia. Gli interventi che danno risultati migliori sono il cross linking corneale, la iontoforesi corneale ed il trapianto di cornea. 

Cross linking corneale

Questo intervento parachirurgico è un trattamento in grado di rallentare o fermare l’avanzamento del cheratocono. È un intervento parachirurgico in quanto il cross linking non prevede l’utilizzo di incisioni o suture, ed è pertanto non invasivo. Il Cross linking viene utilizzato generalmente contro il cheratocono iniziale, e consiste nella somministrazione sulla superficie corneale di riboflavina, poi attivata con luce ultravioletta UVA.

Iontoforesi corneale

Sviluppata in Italia, la iontoforesi consiste nell’applicazione di un campo elettrico a bassissima intensità durante l’intervento di cross linking. Questa tecnica riduce notevolmente la tempistica dell’intervento e dà ottimi risultati.

Trapianto di cornea

Detto anche cheratoplastica, il trapianto di cornea è la soluzione che si decide di applicare nei casi di cheratocono più avanzati, quando si rende necessario ripristinare la struttura corneale.

Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi del Cheratocono

Sono ancora attive le prenotazioni per gli screening gratuiti del cheratocono offerti dalla Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi del Cheratocono. La campagna è rivolta ai cittadini fra i 15 ed il 35 anni di età: puoi prenotare il tuo screening gratuito a partire dal 10 settembre presso il sito ufficiale selezionando il centro aderente più vicino a te.

Prevenzione cheratocono: Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi del Cheratocono

10 settembre – 11 ottobre 2019: dove effettuare lo screening gratuito

Le città aderenti alla prima Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi del Cheratocono sono: Bari, Bologna, Casale Monferrato (AL), Catanzaro, Chieti/Pescara, Firenze, Genova, Lecce, Macerata, Mestre, Milano, Moncalieri (TO), Napoli, Roma, Verona, Villorba (TV). Ti ricordiamo che anche Neovision aderisce alla Campagna per la Prevenzione e Diagnosi del Cheratocono: se hai piacere di sottoporti allo screening gratuito presso una delle nostre 3 cliniche di Milano, non esitare a selezionarla in fase di prenotazione. Ti aspettiamo!

Prevenzione cheratocono: Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi del Cheratocono

Prende il via la prima Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi del Cheratocono, promossa dall’Università di Verona, dal Centro Nazionale di Alta Tecnologia in Oftalmologia dell’Università di Chieti-Pescara e da Neovision Cliniche Oculistiche, in collaborazione con CAMO – Centro Ambrosiano Oftalmico. La campagna, patrocinata da A.I.CHE – Associazione Italiana Cheratoconici, SOI – Società Oftalmica Italiana e SITRAC – Società Italiana Trapianto di Cornea e con il patrocinio richiesto di Ministero della Salute e Regione Veneto, ha l’obiettivo di informare e sensibilizzare la popolazione su una patologia oculare ancora poco nota: il cheratocono. L’invito è rivolto ai cittadini  fra i 15 ed i 35 anni di età, per uno screening gratuito presso i centri specialistici aderenti dal 10 settembre all’11 ottobre 2019. 

Che cos’è il cheratocono

Una patologia dalle cause ancora poco note

Il cheratocono è una patologia della cornea che, se trascurata, può portare ad una riduzione anche grave della capacità visiva, fino alla cecità. Le cause del cheratocono non sono ancora del tutto note, anche se sembra che vi sia un certo grado di familiarità.

Come si presenta il cheratocono

La cornea di un occhio sano ha una forma tondeggiante: la curvatura è regolare, e la sua struttura è perfettamente trasparente. In presenza di cheratocono, invece, la cornea perde la sua regolare curvatura e si allunga verso l’esterno. La deformazione e l’assottigliamento della cornea comportano anche una perdita di trasparenza: la luce fatica ad oltrepassare la cornea, ed il processo visivo diviene più difficoltoso mano a mano che la patologia peggiora.

Una patologia oculare ancora poco nota

Sfortunatamente, il cheratocono è una patologia poco nota, che può esordire fin dalla pubertà: chi ne è affetto tende spesso a scambiarla per altro (stanchezza, affaticamento), o a sottovalutarla fino a quando i sintomi non si presentano in modo particolarmente evidente. Un campanello d’allarme potrebbe essere un astigmatismo che va via via peggiorando con l’avanzare dell’età.

Come si cura il cheratocono? Perché fare prevenzione è importante?

I trattamenti per il cheratocono esistono, e variano compatibilmente con lo stadio di avanzamento della patologia. La parola d’ordine però, come sempre accade in medicina, è prevenzione. Fare prevenzione e sottoporsi a regolari controlli della salute visiva può essere molto utile per giungere ad una possibile diagnosi in modo tempestivo.

Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi del Cheratocono

L’obiettivo della Campagna è quello di sensibilizzare la cittadinanza nei confronti di una patologia oculare, il cheratocono, che può pregiudicare seriamente vista. La Campagna è rivolta ai cittadini fra i 15 ed il 35 anni di età: puoi prenotare il tuo screening gratuito a partire dal 10 settembre presso il sito ufficiale selezionando il centro aderente più vicino a te.

Prevenzione cheratocono: Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi del Cheratocono

Dove posso sottopormi allo screening gratuito?

Le città aderenti alla prima Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi del Cheratocono sono: Bari, Bologna, Casale Monferrato (AL), Catanzaro, Chieti/Pescara, Firenze, Genova, Lecce, Macerata, Mestre, Milano, Moncalieri (TO), Napoli, Roma, Verona, Villorba (TV). Ti ricordiamo che anche Neovision aderisce alla Campagna per la Prevenzione e Diagnosi del Cheratocono: se hai piacere di sottoporti allo screening gratuito presso una delle nostre 3 cliniche di Milano, non esitare a selezionarla in fase di prenotazione. Ti aspettiamo!

Campagna Nazionale Occhio Secco 2019 - Neovision Cliniche Oculistiche

Campagna Nazionale Occhio Secco 2019 – Prende oggi il via per il quarto anno consecutivo il Mese della Prevenzione e Diagnosi della Sindrome dell’Occhio Secco, un’iniziativa organizzata e promossa dal Centro Italiano Occhio Secco e dalla Clinica Oculistica dell’Università dall’Insubria di Varese. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio del Ministero della Salute, del Comune di Milano e della SOI – Società Oftalmica Italiana. L’appuntamento è dall’8 maggio al 14 giugno in 15 centri d’eccellenza dislocati su tutto il territorio italiano. A te i dettagli. 

Cos’è la Sindrome dell’Occhio Secco

La Sindrome dell’Occhio Secco non è solamente un disturbo oculare passeggero, ma una vera e propria patologia che coinvolge tutto l’apparato visivo e che implica una serie di sintomi ben definiti, tutti riconducibili ad una disfunzione del sistema di lubrificazione lacrimale dell’apparato oculare. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito la Sindrome dell’Occhio Secco “uno dei disturbi tra i più ignorati e sottovalutati della società moderna”. Le cause sono molteplici. La sua incidenza ha subito, negli ultimi anni, un picco imputabile ai cambiamenti climatici in atto a livello globale. Ondate di calore, lunghi periodi di siccità, aumento dei livelli di particolato nell’aria, sono i responsabili della crescente diffusione della patologia.

Campagna Nazionale Occhio Secco 2019: a chi è rivolto lo screening e come prenotare

L’obiettivo generale della Campagna Nazionale Occhio Secco 2019 è quello di sensibilizzare  la popolazione al tema dell’Occhio Secco. Lo screening è rivolto a tutti. Puoi prenotare il tuo appuntamento a partire dall’8 maggio presso il sito del Centro Italiano Occhio Secco, selezionando la città a te più vicina. 

Campagna Nazionale Prevenzione Occhio Secco 2'019 - Neovision Cliniche Oculistiche

Dove posso sottopormi allo screening?

Le città che quest’anno aderiscono alla Campagna Nazionale Occhio Secco 2019 sono: Milano, Varese, Arezzo, Bari, Catania, Lecce, Napoli, Padova, Pisa, Sassari e Torino. Ti ricordiamo che anche Neovision Cliniche Oculistiche aderisce al Mese della Prevenzione e della Cura della Sindrome dell’Occhio Secco: se hai piacere di sottoporti allo screening presso una delle nostre 3 cliniche, non esitare a selezionarla in fase di prenotazione.

Ti aspettiamo!

screening ortottico - Neovision Cliniche Oculistiche

In Neovision crediamo fermamente nell’importanza della prevenzione e non perdiamo occasione per sottolineare che la vista è un dono davvero unico e prezioso. Ecco perché il 30 aprile prossimo ci sarà un doppio appuntamento per offrire a chi lo desideri uno screening ortottico e della visione binoculare: i nostri esperti ortottici saranno infatti ospiti degli amici di Salmoiraghi & Viganò, presso i punti vendita in Corso Buenos Aires (angolo via Piccinni) a Milano, e in Stazione Centrale. 

Che cos’è uno screening ortottico e della visione binoculare e perché è utile?

L’occhio è come un orologio analogico: i suoi “ingranaggi” lavorano in sincronia al fine di offrire un’esperienza visiva perfetta e priva di difetti, imprecisioni o distorsioni. E perché questo avvenga, è fondamentale che ogni singola struttura oculare sia in salute e ben funzionante anche dal punto di vista muscolare, sensoriale e innervativo.

Che cos’è l’ortottica e cosa fa un ortottista?

L’ortottica è quella branca dell’oftalmologia che si occupa di accertare il funzionamento dell’apparato visivo sotto l’aspetto muscolare, sensoriale e innervativo. L’esperto in ortottica prende invece il nome di ortottista. L’ortottista ha il compito di individuare anche precocemente eventuali anomalie della visione binoculare come ambliopia (l’occhio pigro), lo strabismo, la visione doppia e altre anomalie.

Cosa include lo screening ortottico e della visione binoculare offerto da Neovision e Salmoiraghi & Viganò?

Lo screening della visione binoculare è una sorta di “check” della visione, ed include una serie di test come l’esame dell’acuità visiva, il test della convergenza oculare, la verifica della visione tridimensionale (stereopsi) ed altri approfondimenti: l’obiettivo è valutare il corretto funzionamento dei muscoli oculari e della visione. Insomma, con lo screening ortottico puoi verificare se i muscoli dei tuoi occhi funzionano bene e se ti garantiscono una visione tridimensionale ottimale. 

Chi può sottoporsi ad uno screening ortottico?

Lo screening ortottico è rivolto a tutti. E’ consigliato agli adulti, soprattutto coloro che non hanno l’abitudine di sottoporsi con regolarità ad una visita oculistica completa, ma anche ai più piccini. Per quanto riguarda i bambini, un semplice screening ortottico può essere un prezioso indicatore della presenza di alcuni disturbi tipici dell’età pediatrica, come per esempio l’occhio pigro (ambliopia).

A qualunque età, insomma, lo screening ortottico è un primo passo utile ed importante per prendersi cura dei propri occhi.

E dopo lo screening?

Al termine dello screening potrai completare gli accertamenti, sempre a titolo gratuito, presso una delle cliniche Neovision a Milano.

Ti aspettiamo in Salmoiraghi & Viganò martedi 30 aprile:


Presso il punto vendita di Corso Buenos Aires – Angolo via Piccinni – Milano
dalle ore 14.00 alle ore 18.00.

Presso il punto vendita in Stazione Centrale – Milano
dalle ore 14.00 alle ore 18.00.

screening ortottico - Neovision Cliniche Oculistiche

Sapevi che la prevenzione è l’arma migliore per vivere a lungo ed in salute? E allora perchè non approfittare di un’interessante ed utile occasione per verificare lo stato di salute dei tuoi occhi? Gli ortottisti del team Neovision saranno ospiti giovedi 18 aprile prossimo presso il punto vendita Salmoiraghi & Viganò, in Corso Genova a Milano, per offrirti uno screening ortottico e della visione binoculare. Ti aspettiamo! 

Screening ortottico e della visione binoculare: di che si tratta?

L’occhio è come un orologio analogico: i suoi “ingranaggi” lavorano in sincronia al fine di offrire un’esperienza visiva perfetta e priva di difetti, imprecisioni o distorsioni. E perché questo avvenga, è fondamentale che ogni singola struttura oculare sia in salute e ben funzionante anche dal punto di vista muscolare, sensoriale e innervativo.

Che cos’è l’ortottica e cosa fa un ortottista?

L’ortottica è quella branca dell’oftalmologia che si occupa di accertare il funzionamento dell’apparato visivo sotto l’aspetto muscolare, sensoriale e innervativo. L’esperto in ortottica prende invece il nome di ortottista. L’ortottista ha il compito di individuare anche precocemente eventuali anomalie della visione binoculare come ambliopia (l’occhio pigro), lo strabismo, la visione doppia e altre anomalie.

Cosa include lo screening ortottico e della visione binoculare offerto da Neovision e Salmoiraghi & Viganò?

Lo screening della visione binoculare è una sorta di “check” della visione, ed include una serie di test come l’esame dell’acuità visiva, il test della convergenza oculare, la verifica della visione tridimensionale (stereopsi) ed altri approfondimenti: l’obiettivo è valutare il corretto funzionamento dei muscoli oculari e della visione. Insomma, con lo screening ortottico puoi verificare se i muscoli dei tuoi occhi funzionano bene e se ti garantiscono una visione tridimensionale ottimale. 

Chi può sottoporsi ad uno screening ortottico?

Lo screening ortottico è rivolto a tutti. E’ consigliato agli adulti, soprattutto coloro che non hanno l’abitudine di sottoporsi con regolarità ad una visita oculistica completa, ma anche ai più piccini. Per quanto riguarda i bambini, un semplice screening ortottico può essere un prezioso indicatore della presenza di alcuni disturbi tipici dell’età pediatrica, come per esempio l’occhio pigro (ambliopia).

A qualunque età, insomma, lo screening ortottico è un primo passo utile ed importante per prendersi cura dei propri occhi.

E dopo lo screening?

Al termine dello screening potrai completare gli accertamenti, sempre a titolo gratuito, presso una delle cliniche Neovision a Milano.

Ti aspettiamo in Salmoiraghi & Viganò
Corso Genova, 4 – Milano
Giovedi 18 aprile dalle ore 14.00 alle ore 18.00.

screening ortottico - Neovision Cliniche Oculistiche

In Neovision crediamo fermamente nell’importanza della prevenzione e non perdiamo occasione per sottolineare che la vista è un dono davvero unico e prezioso. Ecco perché il 16 aprile prossimo saremo ospiti degli amici di Salmoiraghi & Viganò, presso il punto vendita in Corso Buenos Aires a Milano, per offrire a chi lo desideri uno screening ortottico e della visione binoculare.

Che cos’è uno screening ortottico e della visione binoculare e perché è utile?

L’occhio è come un orologio analogico: i suoi “ingranaggi” lavorano in sincronia al fine di offrire un’esperienza visiva perfetta e priva di difetti, imprecisioni o distorsioni. E perché questo avvenga, è fondamentale che ogni singola struttura oculare sia in salute e ben funzionante anche dal punto di vista muscolare, sensoriale e innervativo.

Che cos’è l’ortottica e cosa fa un ortottista?

L’ortottica è quella branca dell’oftalmologia che si occupa di accertare il funzionamento dell’apparato visivo sotto l’aspetto muscolare, sensoriale e innervativo. L’esperto in ortottica prende invece il nome di ortottista. L’ortottista ha il compito di individuare anche precocemente eventuali anomalie della visione binoculare come ambliopia (l’occhio pigro), lo strabismo, la visione doppia e altre anomalie.

Cosa include lo screening ortottico e della visione binoculare offerto da Neovision e Salmoiraghi & Viganò?

Lo screening della visione binoculare è una sorta di “check” della visione, ed include una serie di test come l’esame dell’acuità visiva, il test della convergenza oculare, la verifica della visione tridimensionale (stereopsi) ed altri approfondimenti: l’obiettivo è valutare il corretto funzionamento dei muscoli oculari e della visione. Insomma, con lo screening ortottico puoi verificare se i muscoli dei tuoi occhi funzionano bene e se ti garantiscono una visione tridimensionale ottimale. 

Chi può sottoporsi ad uno screening ortottico?

Lo screening ortottico è rivolto a tutti. E’ consigliato agli adulti, soprattutto coloro che non hanno l’abitudine di sottoporsi con regolarità ad una visita oculistica completa, ma anche ai più piccini. Per quanto riguarda i bambini, un semplice screening ortottico può essere un prezioso indicatore della presenza di alcuni disturbi tipici dell’età pediatrica, come per esempio l’occhio pigro (ambliopia).

A qualunque età, insomma, lo screening ortottico è un primo passo utile ed importante per prendersi cura dei propri occhi.

E dopo lo screening?

Al termine dello screening potrai completare gli accertamenti, sempre a titolo gratuito, presso una delle cliniche Neovision a Milano.

Ti aspettiamo in Salmoiraghi & Viganò
Corso Buenos Aires – Angolo via Piccinni – Milano
Martedi 16 aprile dalle ore 14.00 alle ore 18.00.