Articoli

7 consigli per convivere con la Sindrome dell’Occhio Secco

occhio secco - Neovision Cliniche Oculistiche

La Sindrome dell’Occhio Secco è una patologia sempre più diffusa a livello globale e tuttavia oggi non abbastanza presa in considerazione dai sistemi nazionali. Lungi dall’essere un semplice insieme di disturbi oculari transitori, la Sindrome dell’Occhio Secco impatta notevolmente chi ne è affetto, condizionandone l’andamento della vita sociale e lavorativa. Non ultimo, ha anche dei costi sociali che non andrebbero affatto trascurati. 

Che cos’è la sindrome dell’Occhio Secco?

Il nostro apparato oculare è davvero molto molto delicato. Il film lacrimale ha il ruolo di umidificare l’occhio e di proteggerlo dalle aggressioni esterne. E non solo. Non tutti sanno che le lacrime hanno anche un ruolo importante nel garantire il buon andamento della funzione visiva, perché oltre a proteggere l’occhio, favoriscono il corretto passaggio dei raggi luminosi.

Insomma, lacrime e film lacrimale sono davvero indispensabili, ed ogni volta che ammicchiamo, il nostro film lacrimale si rinnova. Riuscireste ad immaginare i vostri occhi senza lacrime? Che bruciore e che fastidio! Ecco perché ammicchiamo (involontariamente) almeno 1500 volte al giorno!

Ecco quali sono i sintomi della Sindrome dell’Occhio Secco

I sintomi della Sindrome dell’Occhio Secco sono:

  • bruciore oculare;
  • lacrimazione irregolare;
  • bisogno di sciacquarsi o toccarsi frequentemente gli occhi;
  • difficoltà ad aprire gli occhi al mattino;
  • presenza di secrezione mucosa e filamentosa.

Con l’andare del tempo ed il cronicizzarsi dei sintomi sopra illustrati, il paziente sperimenta:

  • sensazione di corpo estraneo;
  • fotofobia;
  • dolore oculare;
  • disturbi della visione (la visione si fa alterata).

7 consigli per fronteggiare i sintomi della Sindrome dell’Occhio Secco

Poiché, come detto, la Sindrome dell’Occhio Secco è una vera e propria patologia, rivolgersi ad uno specialista è davvero fondamentale. Sarà lui a confermare la diagnosi e ad indicare la terapia idonea per ogni singolo caso. Vi sono però delle indicazioni di massima che possono rivelarsi molto utili nel gestire meglio i sintomi nel quotidiano, a partire dalle proprie abitudini. Eccole:

  1. Stare alla larga da luoghi con una troppo eccessiva o al contrario troppo scarsa ventilazione;
  2. Ridurre il fumo di sigaretta;
  3. Evitare l’uso di creme o prodotti cosmetici potenzialmente irritanti nella zona del contorno occhi;
  4. Se possibile sospendere o limitare l’uso di lenti a contatto;
  5. Portare sempre con sé un paio di occhiali da sole, così da proteggersi non solo dalla luce, ma anche dal vento;
  6. Fare impacchi di acqua e malva, bicarbonato o acqua borica nell’aria perioculare;
  7. Mangiare molta frutta e verdura di stagione ed integrare con molti liquidi, in particolare acqua.

Leggi anche: in vacanza con l’Occhio Secco: ecco qualche consiglio prezioso. 

Per saperne di più

Per saperne di più o per prenotare una visita oculistica specialistica, chiamaci dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 19.00 allo 02 30317600.

Cambiamenti climatici, quando il grande caldo influisce sulla salute oculare

occhio secco - Neovision Cliniche Oculistiche

Il fenomeno del “global warming” del quale sempre più si sente parlare in questi ultimi anni colpisce indubbiamente molti aspetti della nostra vita quotidiana. Ne sono un esempio il ricorrente modo di dire secondo il quale “non esistono più le mezze stagioni” ed i fenomeni atmosferici sempre più violenti ed estremi, come le “bombe d’acqua” o i periodi di lunga siccità. Manifestazioni che si ripercuotono negativamente sull’andamento dell’agricoltura e di conseguenza sull’economia globale. Inoltre, last but not least, il global warming impatta negativamente anche sulla nostra salute. Le ripercussioni si registrano anche sulla salute dei nostri occhi. Ecco spiegato il perché. 

Global warming e salute, la connessione esiste. Parola di scienza

Un autorevole studio durato oltre un ventennio, pubblicato sul New England Journal of Medicine ha portato alla luce l’esistenza di un legame tra il surriscaldamento globale ed il cambiamento climatico in atto a livello planetario e lo stato di salute della popolazione mondiale. Gli autori dello studio hanno segnalato un aumento della morbilità e dell’aggressività di molte patologie già esistenti (complici altri fenomeni, come per esempio l’antibiotico resistenza e l’inquinamento ambientale), ed anche l’insorgenza di nuove patologie sino a pochi decenni fa inesistenti. E non solo: l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che le ondate di calore ed il surriscaldamento globale saranno causa, tra il 2030 ed il 2050, di oltre 250 mila decessi l’anno. Un numero davvero impressionante, che non può non dar da pensare, stimolando in tutti noi una rinnovata sensibilità verso i temi ambientali ed una maggiore attenzione verso la prevenzione e l’attenzione verso la nostra salute.

Fonti: Nejm.com e WHO.int

Le conseguenze del surriscaldamento globale sulla salute oculare: la Sindrome dell’Occhio Secco

Il cambiamento del sistema metereologico in atto ha gravi conseguenze anche sulla salute del nostro apparato oculare. Una patologia che si sta manifestando in modo sempre più massiccio ed impattante sulla popolazione di tutto il mondo è proprio la Sindrome dell’Occhio Secco, nota anche con il nome di Dry Eye Syndrome.

Che cos’è la Sindrome dell’Occhio Secco

Spesso confusa con un insieme di sintomi fastidiosi e tuttavia transitori, la sindrome è invece una patologia oculare vera e propria, “appannaggio”, fino a pochi decenni fa, quasi esclusivamente delle donne in età matura, affette da una serie di disturbi connessi agli sbalzi ormonali tipici della menopausa. Oggi, invece, la Sindrome dell’Occhio Secco colpisce indistintamente uomini e donne, adulti e bambini. Questo accade perché l’umidità va via via diminuendo e le temperature al contrario si innalzano, modificando la qualità dell’aria ed innescando i sintomi caratterizzanti della patologia.

Sindrome dell’Occhio Secco: parola d’ordine sensibilizzare

La sindrome dell’Occhio Secco è caratterizzata dalla manifestazione ricorrente di una serie di sintomi molto fastidiosi quali secchezza oculare, bruciore, sensazione di corpo estraneo (sabbiolina), forte arrossamento, fotofobia. L’aumento statistico della patologia causato dai fenomeni sopra citati ed il fatto che essa sia ancora troppo sottovalutata dai sistemi sanitari nazionali di tutto il mondo, ha spinto CIOS – Centro Italiano Occhio Secco e la Clinica Universitaria dell’Università dell’Insubria di Varese a farsi promotori di una Campagna di Prevenzione e Diagnosi dell’Occhio Secco. Un’iniziativa virtuosa con il duplice obiettivo di sensibilizzare la popolazione al tema della salute oculare ma anche, più in generale, verso quello della prevenzione. Anche Neovision ha preso parte alla campagna mettendo a disposizione le sue 3 cliniche per gli screening in calendario, registrando in breve tempo il tutto esaurito: un segnale importante di interesse e di sensibilità della popolazione nei confronti di una campagna che anche nel resto d’Italia sta riscuotendo un notevole successo. 

Leggi anche: al via la quarta Campagna di Prevenzione e Diagnosi dell’Occhio Secco 

Contattaci!

Per informazioni contattaci dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 19.00 allo 02 30317600.

 

Al via la quarta Campagna di Prevenzione e Diagnosi della Sindrome dell’Occhio Secco

Campagna Nazionale Occhio Secco 2019 - Neovision Cliniche Oculistiche

Prende oggi il via per il quarto anno consecutivo il Mese della Prevenzione e Diagnosi della Sindrome dell’Occhio Secco, un’iniziativa organizzata e promossa dal Centro Italiano Occhio Secco e dalla Clinica Oculistica dell’Università dall’Insubria di Varese, con il patrocinio del Ministero della Salute, del Comune di Milano e della SOI – Società Oftalmica Italiana. L’appuntamento è dall’8 maggio al 14 giugno in 15 centri d’eccellenza dislocati su tutto il territorio italiano. A te i dettagli. 

Cos’è la Sindrome dell’Occhio Secco

La Sindrome dell’Occhio Secco non è solamente un disturbo oculare passeggero, ma una vera e propria patologia che coinvolge tutto l’apparato visivo e che implica una serie di sintomi ben definiti, tutti riconducibili ad una disfunzione del sistema di lubrificazione lacrimale dell’apparato oculare. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito la Sindrome dell’Occhio Secco “uno dei disturbi tra i più ignorati e sottovalutati della società moderna”. Le cause sono molteplici, e la sua incidenza ha subito, negli ultimi anni, un picco imputabile ai cambiamenti climatici in atto a livello globale: ondate di calore, lunghi periodi di siccità, aumento dei livelli di particolato nell’aria, sono i responsabili della diffusione a macchia d’olio di una patologia che fino a pochi anni fa colpiva tipicamente un numero più ristretto di persone.

A chi è rivolto lo screening e come prenotare

L’obiettivo generale della campagna è quello di sensibilizzare  la popolazione al tema dell’Occhio Secco e stimolarla a farsi visitare dopo lo screening, anche dal proprio oculista curante. Lo screening è rivolto a tutti. Puoi prenotare il tuo appuntamento a partire dall’8 maggio presso il sito del Centro Italiano Occhio Secco, selezionando la città a te più vicina. 

Campagna Nazionale Prevenzione Occhio Secco 2'019 - Neovision Cliniche Oculistiche

Dove posso sottopormi allo screening?

Le città che quest’anno aderiscono al Mese della Prevenzione e Diagnosi della Sindrome dell’Occhio Secco sono: Milano, Varese, Arezzo, Bari, Catania, Lecce, Napoli, Padova, Pisa, Sassari e Torino. Ti ricordiamo che anche Neovision Cliniche Oculistiche aderisce al Mese della Prevenzione e della Cura della Sindrome dell’Occhio Secco: se hai piacere di sottoporti allo screening presso una delle nostre 3 cliniche, non esitare a selezionarla in fase di prenotazione.

Ti aspettiamo!

 

Intervento di cataratta: competenze e tecnologia per risultati top

Cataratta - Neovision Cliniche Oculistiche

La cataratta è una delle patologie oculari più comuni nell’età avanzata, seguita dalla degenerazione maculare senile e dal glaucoma. Grazie alla sempre più forte sensibilità comune verso il tema della prevenzione ed all’iniziativa virtuosa di tanti centri nel dar vita ad iniziative di sensibilizzazione della popolazione rispetto al delicato tema della disabilità visiva, oggi per fortuna la cataratta si opera sempre di più. Il progresso delle competenze e l’uso di strumenti tecnologici particolarmente sofisticati, peraltro, fanno dell’intervento di facoemulsificazione una procedura veloce, altamente efficace, precisa, personalizzabile ed a bassissimo rischio. 

Cataratta senza bisturi? Sì può

L’intervento di cataratta è fondamentale per riacquistare una visione chiara e nitida dei contorni delle cose e dei colori. L’idea di rimuovere il cristallino opacizzato e di sostituirlo con uno totalmente nuovo venne all’oculista inglese Harold Ridley nel 1949. Più di un secolo fa, insomma. Fino a pochi anni fa l’intervento si eseguiva con l’ausilio di bisturi e pinze, ed oggi la moderna tecnologia oftalmica consente di sottoporsi all’intervento di cataratta anche senza bisturi. Il nuovo braccio destro del chirurgo oggi si chiama femtolaser.

Cos’è il femtolaser?

Il femtolaser – oggi disponibile in pochi centri d’eccellenza – rappresenta il futuro della chirurgia oftalmica. Si tratta di un laser ad impulsi infarossi brevissimi – dell’ordine di un femtosecondo, ovvero un miliardesimo di secondo – capace di sostituirsi perfettamente ad un bisturi. Il femtolaser ha apportato notevoli miglioramenti all’intervento di facoemulsificazione, sia dal punto di vista medico e chirurgico, sia dal punto di vista soggettivo del paziente. Per quanto riguarda l’aspetto medico, l’incisione eseguita dal femtolaser è altamente precisa, omogenea e controllabile. In questo modo l’intervento diviene meno invasivo e molto più confortevole anche per il paziente.

E le complicanze?

Le complicanze derivanti dall’intervento di cataratta sono davvero minime e rare: la percentuale infatti si aggira al di sotto dell’1%. Si tratta di sintomi non gravi, risolvibili con una terapia mirata oppure con un breve trattamento laser. In linea generale, ad ogni modo, è sempre consigliabile seguire scrupolosamente le indicazioni post operatorie fornite dallo specialista, sia di indole medica che puramente pratica.

Un paziente bene informato è sempre un paziente felice

Oggi, in particolar modo nei centri d’eccellenza, l’intervento di facoemulsificazione ha raggiunto uno standard davvero elevato in termini di precisione, sicurezza ed affidabilità. Tuttavia, qualunque tipo di intervento non può prescindere da un colloquio approfondito e completo con lo specialista. Il motivo è presto detto: è importante che il paziente che si sottopone a qualunque tipo di intervento chirurgico sia sempre bene informato.

Vuoi saperne di più?

Per prenotare LUCE E COLORI, la visita oculistica specialistica per la cataratta o per saperne di più, chiama dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 19.00 allo 02 30317600.