Articoli

alimentazione corretta

La salute, si sa, comincia a tavola. Qualunque medico al mondo te lo potrà confermare! Non tutti, però, amano mangiare cibi che “fanno bene”, a scapito di cibi più grassi e meno sani. Oggi ti proponiamo un’insalata che farà la gioia del tuo palato e della tua salute (in particolare quella dei tuoi occhi), e che siamo certi diventerà un must del tuo menù settimanale.

La salute (anche degli occhi) comincia a tavola

Come già detto, la salute comincia a tavola, e dunque oggi vogliamo proporti una ricetta un pò diversa dal solito, che però veda come grande protagonista uno degli alimenti più noti in fatto di salute dell’occhio: la carota. La carota è uno di quegli alimenti che, se consumati regolarmente, può aiutare a mantenere in salute l’apparato visivo ed a prevenire o per lo meno ritardare l’insorgenza di disturbi visivi di varia indole, come la maculopatia degenerativa senile e la cataratta. Naturalmente, essendo la carota ricca di vitamina C e di beta-carotene, essa fa bene anche alla pelle, è un potente antiossidante ed antitumorale. Cosa c’è dunque di meglio di un bel piatto a base di carote? Vediamo come trasformarle in qualcosa di sfizioso ed invitante.

Una ricetta dal piglio anglosassone

Se hai avuto l’opportunità di viaggiare nei paesi anglosassoni, scoprirai che la ricetta che stiamo per proporti non è frutto della nostra fantasia. Si tratta di una ricetta che nei paesi anglosassoni è spesso presente in occasione di barbecue, feste o picnic all’aperto. E’ una ricetta divertente che piace a tutta la famiglia, bambini inclusi, perchè è croccante, fresca, saporita e colorata. Tutta salute! Ma veniamo al dunque.

Insalata di carote e arachidi: colore e croccantezza ad ogni boccone

La ricetta che ti consigliamo oggi di preparare è l’insalata di carote e arachidi. Un piatto molto semplice e veloce, saporitissimo e croccante, fresco e divertente per tutta la famiglia. Per prepararlo dovrai procurarti delle ottime carote fresche e croccanti, se possibile piccoline. Ti servirà anche una generosa manciata di arachidi: anche le arachidi sono ottime per la salute degli occhi, perchè rappresentano una preziosa fonte di vitamina E, un antiossidante naturale capace di prevenire lo sviluppo di cataratta e degenerazione maculare senile. Insomma, un bel piatto di vitamina C, vitamina E e carotenoidi non può che far bene alla tua vista!

Come si prepara l’insalata di carote e arachidi

La preparazione è davvero semplicissima: pela le carote con l’apposito strumento, grattugiale, condiscile con olio extravergine di oliva, sale e limone e aggiungi una generosa manciata di arachidi! L’esito ti sorprenderà piacevolmente. Prepara subito la nostra insalata di carote e arachidi, e comincia oggi stesso a fare il pieno di salute per i tuoi occhi…a tavola!

E per completare il tuo menù all’insegna della salute degli occhi…

Leggi anche: luteina, preziosa alleata per il benessere degli occhi

E: il cioccolato fa bene, anche ai nostri occhi

Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi delle Maculopatia Diabetica

Ha preso il via il 23 gennaio e proseguirà fino al 28 febbraio la Campagna Nazionale per la Prevenzione e Diagnosi della Maculopatia Senile. Se non hai già prenotato, è il momento di farlo: si tratta di una grande occasione di prevenzione messa a disposizione in tutta Italia da IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, Ospedale Fatebenefratelli-Sacco di Milano e Centro Ambrosiano Oftalmico, col patrocinio del Ministero della Salute, della SOI – Società Oftalmica Italiana, IAPB Italia Onlus – Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità e del Comune di Milano. Tra gli esami previsti, anche l’OCT, un esame di cui avrai certamente sentito parlare, molto efficace e per nulla invasivo. Vediamo di che si tratta. 

OCT, la Tomografia Ottica Computerizzata

La sigla OCT sta per Tomografia Ottica Computerizzata: si tratta di una tac dell’occhio ad altissima tecnologia, eseguita sul paziente senza la necessità di ricorrere ad anestesia e senza l’uso di mezzi di contrasto. Una speciale sonda laser ad infrarossi va a “mappare”, in modo del tutto indolore, la struttura della retina nella regione maculare. Dopodiché, i dati raccolti dalla sonda laser vengono trasferiti sotto forma di immagine su uno schermo. L’immagine dà subito la misura di eventuali anomalie dell’area esaminata, fornendo al medico informazioni preziose ed accurate, al pari di una biopsia “virtuale”. Una tecnologia d’avanguardia, dunque, completamente indolore, non invasiva, di breve durata ed altamente affidabile.

A chi è consigliato sottoporsi ad una OCT

L’OCT è consigliata a tutti i pazienti che soffrono di miopia degenerativa, diabete, degenerazione maculare senile e di tutte quelle malattie che coinvolgono la retina. Più in generale, l’OCT è consigliata a chi manifesta una visione in qualche modo alterata per qualità e quantità, e a chi ha la necessità di valutare l’eventuale presenza di una malattia della retina ed in particolare della macula.

Un esame fondamentale per la diagnosi della maculopatia

E’ chiaro dunque che l’OCT è fondamentale nella individuazione e diagnosi della maculopatia. Ma facciamo un passo indietro.

Che cos’è la maculopatia?

La maculopatia è una malattia che porta ad una visione distorta o mancata delle immagini collocate al centro del campo visivo, a causa di un malfunzionamento dei fotorecettori posti proprio al centro della retina, chiamato macula.

Esistono diversi tipi di maculopatia, sia ereditari che non. E’ possibile sviluppare una maculopatia connessa ad una miopia grave oppure al diabete, oppure, intorno ai 50 anni, la cosiddetta maculopatia degenerativa senile. Quest’ ultima si suddivide in due grandi tipologie, quella atrofica, ovvero secca, e quella essudativa, cioè umida.

Eseguire una OCT consente non solo di diagnosticare una eventuale presenza di maculopatia, ma anche di comprenderne la tipologia e lo stadio di avanzamento. Un esame prezioso, dunque, che consente di individuare una patologia importante.

Approfitta oggi stesso ed iscriviti allo screening nazionale

Oggi e fino al 28 febbraio prossimo, in occasione della Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi della Maculopatia Senile, è possibile sottoporsi ad uno screening della salute visiva in maniera del tutto gratuita ed approfittare di questa grande opportunità di prevenzione. Se hai 50 anni o più e non hai mai avuto una diagnosi di maculopatia, non perdere il tuo appuntamento con la salute, prenota oggi stesso sul sito ufficiale dell’iniziativa.

prima campagna nazionale maculopatia

Si svolgerà dal 29 gennaio al 23 febbraio in 17 città italiane la prima edizione della Campagna Nazionale per la Prevenzione e Diagnosi della Maculopatia. Un appuntamento con la salute da non perdere: l’obiettivo, informare la popolazione circa i fattori di rischio della maculopatia ed eseguire un test gratuito per la sua diagnosi. Prenota oggi stesso!

Prima Campagna Nazionale per la Prevenzione e Diagnosi della Maculopatia

Promossa da IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano e CAMO – Centro Ambrosiano Oftalmico, la Prima Campagna Nazionale per la Prevenzione e Diagnosi della Maculopatia, con il patrocinio del Ministero della Salute, della SOI – Società Oftalmica Italiana e del Comune di Milanosi propone di eseguire uno screening gratuito sulla popolazione a rischio di sviluppare la degenerazione maculare senile.

Cos’è la degenerazione maculare senile?

La degenerazione maculare senile è una malattia della macula, una parte importantissima dell’occhio deputata alla decodifica dei segnali luminosi che garantiscono una visione centrale precisa e distinta. La visione si fa progressivamente sempre più sfocata e distorta e la malattia se trascurata, può condurre a cecità. Sottoporsi ad una visita specialistica della retina a partire dai 50 anni è fondamentale per capire quale sia lo stato di salute dell’occhio ed individuare un eventuale esordio della degenerazione maculare senile.

Si tenga conto, peraltro, che esistono diverse forme di maculopatia: quella senile si distingue in due forme, una atrofica, comunemente detta secca, ed una essudativa, più nota come secca. A queste, vanno aggiunte altre due forme, una associata al diabete ed una che colpisce invece chi soffre di miopia molto forte. E’ chiaro insomma che l’intervento di uno specialista è indispensabile non solo per la diagnosi di una eventuale maculopatia, ma anche per indirizzare il paziente verso le eventuali cure o trattamenti corretti per il tipo di malattia in atto.

In cosa consiste lo screening?

Lo screening, che ripetiamo è totalmente gratuito in occasione di questa Prima Campagna Nazionale per la Prevenzione e Diagnosi della Maculopatia, consiste in una serie di test della vista, inclusi, se necessario, anche dei test di tipo strumentale. Lo specialista effettuerà il test di Amsler e l’OCT, e valuterà nel corso della visita l’eventualità di approfondire con ulteriori esami, come l’esame della lampada a fessura o altre indagini.

A chi è consigliato lo screening per la maculopatia?

Il test è consigliato a tutta la popolazione dai 50 anni in su, poichè la degenerazione maculare senile esordisce generalmente intorno a questa fascia d’età. Non esitare dunque a cogliere al volo l’opportunità di testare gratuitamente lo stato di salute dei tuoi occhi: prenota oggi stesso il tuo screening gratuito per la prevenzione e la diagnosi della Maculopatia.

Dove posso sottopormi allo screening?

Le città nelle quali potrai trovare un centro aderente alla Prima Campagna Nazionale per la Prevenzione e Diagnosi della Maculopatia sono Milano, Arezzo, Bari, Carrara, Catania, Chieti/Pescara, Firenze, Genova, Legnano, Parma, Roma, Sassari, Siena, Taranto, Tricase (LE), Udine e Varese. Clicca subito sul link ufficiale dell’iniziativa, seleziona la città più vicina a te e prenota subito. Se hai piacere di eseguire lo screening presso una delle nostre cliniche, non esitare a prenotare tramite questa pagina.