Per chi è indicata la chirurgia refrattiva con la tecnica Femto-Lasik

per-chi-indicata-chirurgia-refrattiva-con-tecnica-femto-lasik (1)

La chirurgia refrattiva include una serie di tecniche con le quali è possibile correggere i difetti refrattivi altrimenti corretti in modo temporaneo tramite lenti ed occhiali. Ad oggi, la tecnica che ha rivoluzionato la chirurgia refrattiva aprendo la strada ad un modo di operare assolutamente mini invasivo, veloce e totalmente indolore prende il nome di Femto-Lasik. Ma di cosa si tratta? Quali difetti visivi si possono correggere con questo tipo di intervento? Chi vi si può sottoporre? Rispondiamo subito alle domande di cui sopra.

Che cos’è l’intervento Femto-Lasik?

Com il nome di Femto-Lasik si intende una tecnica mini invasiva che consente di correggere i difetti refrattivi tramite la “modellazione” della cornea, della sua curvatura e del suo spessore. Tramite uno speciale laser ad impulsi, chiamato Femtolaser o laser a Femtosecondi, viene aperta una finestrella nella parte esteriore della cornea; la parte sottostante viene poi “lavorata” e modellata dal chirurgo tramite un laser ad eccimeri; infine, la finestrella viene “richiusa” e riposizionata in sede. E’ un intervento dal grandissimo apporto tecnologico che richiede perizia, esperienza e grande professionalità. Nel giro di 20 minuti circa, grazie ad un anestetico in gocce somministrato localmente e senza alcun tipo di stress, il difetto refrattivo sarà eliminato.

Quali difetti visivi si possono correggere con l’intervento Femto-Lasik?

L’intervento consente di correggere miopia lieve o media, ipermetropia anche forte ed astigmatismo. Se soffrite di una miopia particolarmente accentuata, il vostro specialista di fiducia vi proporrà forse una via alternativa, che comprende l’intervento di sostituzione del cristallino in abbinamento all’intervento sulla cornea che prende il nome di Femto-Lasik. Ogni caso, ad ogni modo, prevede una soluzione specifica e personalizzabile. Non è possibile prescindere da un colloquio approfondito con il vostro oculista di fiducia, che vi consiglierà quale sia la strada migliore da intraprendere, in considerazione del vostro stato di salute visiva, della presenza di uno o più difetti visivi, della vostra età e di altri fattori.

Chi vi si può sottoporre?

Se il difetto è vissuto “male” dal paziente

Solo nel nostro paese vi sono ben 20 milioni di persone con difetto refrattivo. In molti di questi casi il difetto è blando, non inficia la vita quotidiana ed è “correggibile” con l’ausilio di lenti a contatto od occhiali. In molti altri casi, tuttavia, il difetto refrattivo è di entità maggiore, ed è vissuto “male” dal paziente, andando a condizionarne la vita sotto vari aspetti: durante lo svolgimento delle attività professionali, lo sport, la vita sociale, amorosa, il tempo libero. La minor libertà d’azione, la compromissione di quello che si ritene essere un aspetto fisico altrimenti ottimale, l’impossibilità di “dimenticare” gli occhiali a casa e di vivere a cuor leggero la propria giornata, possono condurre, sul lungo periodo, ad uno stato d’animo poco positivo.

La persona che si sente condizionata dall’uso delle lenti e che non ne fa uso con piacere, andrà senza dubbio alla ricerca di una soluzione differente, capace di apportare non solo un beneficio dal punto di vista visivo, ma anche psicologico. L’intervento di chirurgia refrattiva con tecnica Femto-Lasik può essere la risposta che una persona di questo tipo va cercando. L’importante, tuttavia, è che egli sia bene informato di ciò che la chirurgia refrattiva può offrirgli relativamente alla sua situazione specifica, e che si avvicini all’idea di un intervento laser con serietà e con aspettative realistiche.

Altri fattori che possono portare a scegliere la chirurgia refrattiva

  • Chi, per motivi professionali, ha bisogno di una visione ottimale
  • Chi ha un forte difetto visivo ad un occhio solo, oppure molto più marcato ad un occhio rispetto all’altro
  • Chi ha almeno 20 anni circa (non dimentichiamo che l’apparato visivo sotto i 20 anni è ancora “immaturo” ed in continua evoluzione)
  • Chi ha una cornea sufficientemente spessa, omogenea, sana (l’intervento lavora proprio sulla cornea)

I fattori da tenere in considerazione sono molti, e solo un oculista specialista potrà rispondervi chiaramente in merito alla vostra situazione specifica e personale.

Un invito per te

per chi è indicata la chirurgia refrattiva
Ti invitiamo ad un incontro libero della durata di un’ora, nel quale potrai liberamente confrontarti con un oculista specialista e con altre persone che, come te, stanno pensando di intraprendere il percorso di libertà da occhiali e lenti a contatto.

Scoprirai:

  • come scegliere il centro migliore o il medico giusto per te;
  • cosa è davvero utile sapere prima dell’intervento;
  • la più avanzata e sicura tecnica di correzione dei difetti visivi come miopia e astigmatismo.

Saremo lieti di rispondere a ogni tua domanda. Ti aspettiamo nei giorni 9 e 22 maggio, 6 e 20 giugno presso le nostre cliniche a Milano.

 

orari