Occhio secco e bambini: aria aperta meglio dello smartphone

Occhio secco e bambini: aria aperta meglio dello smartphone

Giocare all’aria aperta con gli amici è molto meglio che stare chiusi in casa davanti alla TV o allo smartphone. Ovvio, direte voi. Ma oltre che all’umore e alla salute fisica generale dei nostri bambini, trascorrere più tempo fuori casa anziché incantati davanti ad un display fa bene ai loro occhi.

Una ricerca del College of Medicine del Chung Ang Univesity Hospital di Seul conferma che l’utilizzo assiduo di smartphone o tablet può causare l’insorgenza della sindrome dell’occhio secco nei bambini.

Cos’è l’occhio secco

La secchezza oculare, a causa di una scarsa produzione di liquido lacrimale o ad una sua eccessiva evaporazione, comporta arrossamento, prurito, bruciore o sensazione di corpo estraneo nell’occhio. Può avere diverse origini, fra cui quelle acquisite: l’utilizzo esagerato delle lenti a contatto, la permanenza in ambienti poco umidi o, come nel caso dello studio di cui parliamo, una permanenza prolungata di fronte ai display di smartphone, tablet o altri device.

La ricerca

La ricerca coreana ha dimostrato che i bambini che passano molto tempo in casa davanti al cellulare tendono a sviluppare la sindrome dell’occhio secco in percentuale molto maggiore rispetto a quelli che ne sono meno dipendenti e passano più tempo all’aria aperta. Addirittura, i bambini che usano poco lo smartphone e prediligono ad esso altre attività ricreative non hanno presentato alcun segno di secchezza oculare.

Quando osserviamo a lungo il display di smartphone, tablet, computer o TV, sbattiamo le palpebre molto meno frequentemente del normale, impedendo ai nostri occhi di lubrificarsi correttamente e aprendo così la strada alla sindrome dell’occhio secco.

Contro l’occhio secco: un po’ di sana attività all’aperto

La salute e la serenità dei nostri bambini vengono prima di qualsiasi cosa. Facciamoli pure giocare col tablet o guardare un cartone animato in TV, ma cerchiamo di limitare questa attività ai 30 minuti al giorno e preferiamo per loro, anche in inverno, una più appropriata e divertente attività all’aperto. Ne gioveranno, moltissimo, anche i loro occhi.