Articoli

Sindrome dell'occhio secco e reflusso gastroesofageo - Neovision Cliniche Oculistiche

Accanto ai tipici sintomi del reflusso gastroesofageo, ne sono stati recentemente individuati altri, meno intuitivi e per certi versi sorprendenti, che coinvolgono l’apparato visivo. Dati alla mano, sembrerebbe che chi soffre di reflusso gastroesofageo sia maggiormente predisposto a sviluppare alcuni sintomi oculari, a tal punto che, in questi casi, si parla di Sindrome del Reflusso Oculare. E non solo: quest’ultima sembrerebbe anche essere connessa ad altre patologie oculari, tra cui la Sindrome dell’Occhio Secco. Ma partiamo dal principio.

Cos’è la malattia da reflusso gastroesofageo

Prima di affrontare la correlazione fra Sindrome dell’Occhio Secco e reflusso, cerchiamo di conoscere meglio questo secondo disturbo. La malattia da reflusso gastroesofageo è caratterizzata da una fuoriuscita anomala dei succhi gastrici dallo stomaco in direzione dell’esofago. Una minima fuoriuscita durante la giornata è normale ed accade solitamente dopo i pasti. Diverso è il discorso quando questo accade in maniera più accentuata, sia per quanto riguarda la frequenza che la durata del disturbo. I sintomi del reflusso sono:

  • rigurgiti acidi
  • bruciore retrosternale
  • dolore toracico
  • tosse e raucedine
  • abbassamento della voce
  • asma
  • singhiozzo
  • otite media

Talvolta il reflusso con annessi sintomi può essere solamente passeggero, come per esempio nel caso delle donne in gravidanza oppure in periodi della vita nei quali si tende ad essere leggermente in sovrappeso. Qualora invece sia una condizione cronica, è necessario rivolgersi al medico e trattarla opportunamente. Anche se nella maggioranza dei casi la malattia da reflusso non determina lesioni, talvolta può invece generare ulcere oppure erosioni a livello esofageo.

Occhio secco e reflusso: la correlazione

Alcuni studi recenti hanno evidenziato che il reflusso esercita una certa influenza anche sullo stato degli occhi. In particolare, parte del reflusso gastroesofageo riuscirebbe a giungere sino all’apparato visivo attraverso il dotto naso-lacrimale, e di lì arriverebbe alla superficie oculare tramite il sacco lacrimale. Questo passaggio di succhi gastrici dallo stomaco fino agli occhi innesca la Sindrome da Reflusso Oculare, una patologia della superficie oculare che si caratterizza per:

  • bruciore oculare
  • sensazione di corpo estraneo
  • fotofobia
  • infiammazione della mucosa del dotto naso-lacrimale
  • presenza, nelle lacrime, di pepsina, un enzima che si trova proprio nei succhi gastrici.

Tra le patologie che sembrano essere legate a doppio filo alla Sindrome da Reflusso Oculare citiamo la Sindrome di Sjogren e la Sindrome dell’Occhio Secco, che si caratterizzano per una marcata secchezza oculare, accompagnata da altri sintomi, tra cui quelli appena descritti.

Un protocollo terapeutico efficace per la Sindrome dell’Occhio Secco: LAVMe

Trattare con efficacia ed in modo durevole nel tempo i sintomi dell’occhio secco è oggi possibile grazie ad un innovativo protocollo terapeutico chiamato LAVMe. Il protocollo, messo a punto recentemente dalle cliniche del gruppo Neovision, consente di migliorare sensibilmente e sul lungo periodo i sintomi tipici della superficie oculare. Naturalmente, qualora la sindrome sia legata al reflusso, sarà opportuno trattare anche la patologia gastroesofagea.

In cosa consiste il protocollo LAVMe?

LAVMe è un programma terapeutico personalizzato unico nel suo genere, capace di trattare con successo la sintomatologia tipica della Sindrome dell’Occhio Secco e donare uno stato di benessere globale sul lungo periodo. Il protocollo include una serie di sedute di risonanza quantica molecolare in abbinamento a momenti di rilassamento mindfulness, messe a punto da équipe di professionisti altamente specializzati.

Un percorso terapeutico da affrontare assieme agli specialisti Neovision senza mai essere lasciati soli, con la certezza di essere accompagnati per mano verso una condizione di benessere fisico e emotivo a tuttotondo.

Vuoi saperne di più?

Siamo a tua disposizione dal lunedi al venerdi allo 02 3031 7600.

Se desideri, ti contattiamo noi

Compila il modulo sottostante e premi INVIA, ti contatteremo al più presto!