Cataratta ansia e depressione. Il legame

cataratta ansia - Neovision Cliniche Oculistiche

Realizzare che la propria capacità visiva cominci a diminuire può rivelarsi un brutto colpo. Questo può accadere in diversi momenti della vita. Intorno ai 40 anni, quando la presbiopia comincia a fare capolino ed un’azione banale come leggere il giornale diviene difficoltosa; ma anche in età matura, quando possono insorgere alcune patologie oculari tipiche dell’età avanzata. La cataratta può innescare ansia e depressione, per esempio. La capacità visiva diminuisce, e con essa anche autostima e buon umore sembrano lasciare il posto ad emozioni e sentimenti meno positivi. Una ricerca scientifica ha messo nero su bianco queste sensazioni. Con una “sorpresa” che vi stupirà non poco. 

Vedere male mette di cattivo umore

La ricerca in questione è stata condotta dallo US National Health and Aging Trends Study ed è stata successivamente pubblicata sulla nota rivista scientifica Jama Ophtalmology. I ricercatori hanno preso in esame la situazione di più di 7500 anziani, mettendo in correlazione lo stato di salute visiva e la salute psicologica.

Non dimentichiamo che vi sono alcune patologie tipiche dell’età avanzata, come cataratta, maculopatia senile e glaucoma, che possono mettere seriamente a repentaglio la capacità visiva. Specie se non opportunamente trattate.

I risultati della ricerca hanno consentito di evidenziare 3 tendenze

1 – Chi ha problemi di vista è più depresso ed ansioso

  • Gli anziani con problemi di vista sono statisticamente più depressi di quelli che vedono bene: 31% a fronte di un 13%;
  • Analogamente, gli anziani con problemi di vista sono statisticamente più ansiosi di quelli che vedono bene: 27% a fronte di un 11%.

2 – Chi ha problemi di vista è più propenso a sviluppare depressione

  • gli anziani con problemi di vista mostrano il 33% di probabilità in più di cadere in depressione, ma non di sviluppare i classici sintomi dell’ansia.

3 – Chi è ansioso o depresso, è più incline ad incorrere in problemi di vista

Questo dato vi sorprenderà, ma la ricerca ha dimostrato anche un andamento inverso rispetto a quello sopra descritto:

  • Gli anziani con depressione mostrano il 37% di possibilità in più sviluppare problemi visivi;
  • Gli anziani affetti da ansia mostrano il 55% di possibilità in più di sviluppare problemi visivi.

In generale, la conclusione dello studio è stata che la compromissione della capacità visiva ha diverse conseguenze, tra cui anche una non trascurabile alterazione dell’umore.

Fonte: JamaNetwork.com

Leggi anche: cataratta e osteoporosi, la scienza ne rivela il legame

Intervento di cataratta: per ritrovare la vista e tenere lontane ansia e depressione

L’intervento di cataratta può mettere al riparo da ansia e depressione. Questo accade perché ha ripercussioni positive sullo stato di salute psicofisico di chi vi si sottopone. Ecco perché è bene affrontarlo serenamente ed in modo tempestivo. Una volta risolta la cataratta, anche le più banali azioni quotidiane – come salire le scale o guidare un veicolo – tornano ad essere facili, mentre colori e forme diventano nitidi e ben definiti come non mai. Il paziente ritrova senso di indipendenza e voglia di vivere.

Leggi anche: 10 cose che non sapevi sulla cataratta

Vuoi conoscere più da vicino l’intervento di cataratta?

Chiamaci dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 19.00 allo 02 30317600.