5 sintomi oculari comuni da non ignorare

5 sintomi oculari da non trascurare

Avere cura dei propri occhi giorno dopo giorno ed anno dopo anno garantisce la possibilità di giungere alla terza età con la possibilità di poter ammirare il mondo in tutta la sua bellezza. E’ passato il tempo in cui la maggior parte degli anziani vedeva poco e male: oggi la medicina moderna, unita alla grande sensibilità verso i concetti di prevenzione ed attenzione alla salute, consente a tutti di mantenere non solo l’apparato visivo, ma l’intero organismo in buona salute fino in tarda età. A proposito degli occhi, tuttavia, è bene non ignorare e sottovalutare alcuni sintomi oculari che, al contrario, conviene comunicare al proprio oculista di fiducia. Vediamo quali sono. 

1 – Occhi spesso rossi con lacrimazione abbondante

Se gli occhi sono spesso arrossati e lacrimano abbondantemente, può capitare di pensare ad un’allergia, ad un banale caso di stanchezza oppure imputare in senso di irritazione all’uso lenti a contatto. Tuttavia, rossore ed iperlacrimazione possono essere anche i sintomi oculari indicanti una cheratite, ovvero una infiammazione della cornea che può avere origine batterica o virale, oppure essere associata ad altre malattie di tipo sistemico. A prescindere dalla sua origine, una cheratite trascurata può peggiorare notevolmente, conducendo a ulcere corneali che lasciano poi il posto a cicatrici capaci di danneggiare irrimediabilmente la capacità visiva.

2 – Visione doppia

Tra i sintomi oculari da non sottovalutare, segnaliamo anche la visione doppia. Chiamata anche diplopia, sia essa da un occhio oppure da entrambi, la visione doppia non deve essere sottovalutata. La causa più comune è lo strabismo: poiché i bulbi oculari non si trovano in asse, il paziente strabico tende naturalmente a vedere doppio. Altre cause della diplopia non transitoria possono essere molteplici, come per esempio un problema di tipo neurologico o una malattia autoimmune. La diplopia è, ad ogni modo, un sintomo da non prendere mai sottogamba. Diverso è il caso di una visione doppia che esordisce d’improvviso assieme a cefalea, giramenti di testa, debolezza: in quel caso naturalmente è bene recarsi al pronto soccorso per una visita d’urgenza.

3 – Pupille di diametro differente

La differenza nel diametro delle due pupille prende il nome di anisocoria. Essa può manifestarsi in modo improvviso, come conseguenza di un problema neurologico. Un problema neurologico, una patologia come una uveite, un glaucoma ad angolo aperto oppure un ictus possono manifestarsi con un’anisocoria. Non accantonate i sintomi oculari come stranezze passeggere, ma fatevi visitare quanto prima da uno specialista. Se le vostre pupille anisocoriche reagiscono male agli stimoli luminosi, le palpebre appaiono più basse del normale (ptosi) e in generale notate un cambiamento nei vostri occhi, recatevi subito da un medico.

4 – Bagliori, sfarfallii, lampi

Capita a tutti di avere la sensazione di vedere un bagliore, un corpo estraneo, un pelucco che vola davanti ai nostri occhi, e che tuttavia non c’è. Il fenomeno è comunemente detto delle “mosche volanti”, in gergo medico delle miodesopsie: si tratta di un sintomo legato all’addensarsi fisiologico delle fibre di collagene presenti all’interno del corpo vitreo, un addensamento che va via via intensificandosi con l’età. Non impuntarsi nell’osservare le mosche volanti e tenere il proprio corpo ben idratato possono essere degli ottimi nonché semplicissimi antidoti contro questo piccolo disturbo che capita davvero a tutti prima o poi nella vita insieme ad altri sintomi oculari. Diverso è il caso se le mosche volanti o dei bagliori o flash improvvisi si manifestano repentinamente ed massicciamente: in questo caso potrebbe essere in atto un distacco di corpo vitreo oppure di retina, ed è bene recarsi quanto prima dall’oculista, per appurare lo stato di salute di propri occhi e correre ai ripari nel più breve tempo possibile.

5 – Dolore agli occhi

Per concludere la top 5 dei sintomi oculari da non sottovalutare, citiamo il dolore agli occhi. Solitamente il dolore agli occhi è causato da un trauma. Quando questo non accade, potrebbe essere sintomo di una patologia. Non sottovalutare mai un dolore all’occhio, specie se intenso: una grave infiammazione del nervo ottico, chiamata neurite ottica, non solo porta a provare un dolore piuttosto intenso, ma può anche comportare una drastica riduzione della capacità visiva.